Il ladro di candele è l'ultimo Yule Lad islandese.

Gli Yule Lads islandesi e Gryla | I troll di Natale in Islanda

Esperto verificato

Gli Yule Lads islandesi e Gryla | I troll di Natale in Islanda

Chi sono gli Yule Lads islandesi? Chi si festeggia in Islanda a Natale se non Babbo Natale? Che ruolo ha la gigantessa Gryla nel folklore natalizio islandese e chi è il gatto di Natale? Continua a leggere per conoscere Gryla e gli Yule Lads, i personaggi natalizi più famosi d'Islanda.

Natale: un periodo di luci scintillanti, di focolari caldi, di regali, di famiglia, di cibo delizioso e... di terrore? Forse non nel mondo, ma l'Islanda non è come il resto della Terra. Nel paese, ci sono Gryla e gli Yule Lads, ovvero i troll di Natale.

L'Islanda è un luogo meraviglioso da visitare durante il periodo natalizio, quindi assicurati di prenotare un alloggio in Islanda in anticipo per trovare una stanza in cui soggiornare. Se vuoi esplorare la campagna, puoi noleggiare un'auto e, se hai ancora intenzione di visitarla, puoi prenotare subito un volo per l'Islanda!

Forse utilizzare il termine "terrore" è una leggera esagerazione, ma il concetto di Babbo Natale in Islanda, in termini di folklore, è molto diverso da quello che conosciamo nella maggior parte delle culture occidentali. Piuttosto che immaginare un uomo allegro con la barba, vestito in rosso e bianco, i Babbi Natale d'Islanda sono tredici sudici troll, guidati dalla madre, una gigantessa mangia-bambini di nome Gryla.

Per la maggior parte dell'anno, si pensa che queste versioni contorte di Babbo Natale si nascondano nell'inquietante fortezza di lava di Dimmuborgir, nell'area di Myvatn, nell'Islanda settentrionale. Altri credono che vivano in una zona montuosa non ben identificata. Dall'11 dicembre al 24 dicembre, invece, partono uno per uno per dedicarsi a tredici giorni di scherzi. Ognuno è specializzato in una burla diversa, leggere e orribili, da proporre a tutto il paese, fino alla fine del periodo natalizio.

Gli Yule Lads fanno parte della tradizione festiva del paese tanto quanto il libro regalato a Natale e l'agnello affumicato.

Gli Yule Lads vivono a Dimmuborgir, nell'Islanda settentrionale.

Oggi la loro immagine è cambiata. Invece di essere raffigurati come troll deformi, ora indossano spesso i tradizionali abiti bianchi e rossi, barbe soffici e sorrisi enormi. Invece di fare scherzi, lasciano semplicemente dei regali nella scarpa che i bambini mettono sui davanzali, un po' come le calze sui caminetti di altre culture. Al posto di un pezzo di carbone, i bambini islandesi cattivi trovano una patata.

Anche se hanno subito una sorta di trasformazione dal XIX secolo, l'aspetto e il comportamento originali degli Yule Lads raccontano una ricchezza di informazioni sulla storia, sulla cultura e sul folklore islandesi e sono un ottimo esempio di come le tradizioni festive differiscano nel mondo.

Gryla | La madre degli Yule Lads islandesi

Ci sono molte statue di Grýla in islanda.Foto da Wikimedia, Creative Commons, di Andrii Gladii. Non sono state apportate modifiche.

Gli Yule Lads sono diventati più amichevoli nel corso degli anni, ma la madre, Gryla, resta un troll spaventoso e rimane una delle tradizioni natalizie più longeve in Islanda.

Questa gigantessa è una delle figure più malvagie del folklore islandese e le storie dell'orrore su di lei vengono ancora raccontate ai bambini durante le festività natalizie. Si dice che si informi sui bambini dell'isola che si comportano male e, quando arriva l'inverno, li rapisca.

La fame per la carne dei bambini cattivi è insaziabile e ogni anno riesce a riempirsi la pancia. Li raccoglie in un sacco, li cuoce in una pentola e li trasforma in un gigantesco stufato che la sfama fino al prossimo inverno.

Grýla è la padrona del gatto di Natale, che terrorizza i bambini.Foto di Regína Hrönn Ragnarsdóttir 

Gryla è già abbastanza terribile da sola, ma purtroppo per i bambini islandesi ha un partner. Condivide la grotta di montagna nell'Islanda settentrionale con un enorme felino nero, chiamato il gatto di Natale, che va ghiotto di carne umana.

Tuttavia, non cerca solo coloro che si sono comportati male. Dà la caccia a qualsiasi bambino che non abbia vestiti nuovi da indossare per Natale.

Inoltre, Gryla vive con l'ultimo marito, un troll di nome Leppaludi. Si tratta del membro meno minaccioso della famiglia e viene picchiato fino al punto di essere patetico. Forse, per paura di quello che è successo ai precedenti compagni di Gryla (si dice che li abbia mangiati!), non esercita alcuna influenza sulle tendenze malvagie della moglie.

Le tradizioni che circondano Gryla la dicono lunga sul folklore islandese. Il fatto che fosse una mangiatrice di bambini invia un monito ai giovani, simile a quello di Babbo Natale che porta carbone, solo con un po' meno finezza. Il messaggio è forte e chiaro: comportati bene a Natale!

Ciò si spiega perché gli inverni in Islanda erano pericolosi e molti bambini disobbedienti che uscivano al buio e nella neve non facevano più ritorno a casa. C'era anche molto lavoro da fare prima che iniziassero i mesi più bui, che richiedevano maggiore diligenza e impegno da parte di tutti i membri della famiglia.

La storia del gatto di Natale che mangiava i bambini che non ricevevano vestiti in regalo è stata creata per assicurarsi che tutti finissero di tessere, di lavorare a maglia e di cucire entro la fine dell'inverno.

Grýla è una pazza mangiatrice di bambini.Foto di Regína Hrönn Ragnarsdóttir 

Gryla era un'immagine terrificante per i bambini e, nel XVIII secolo, il parlamento islandese mise fuori legge l'uso della leggenda come tattica spaventosa. I bambini non venivano più minacciati di essere divorati e venivano messe nelle scarpe delle patate marce, se si comportavano male.

Oggi, puoi vedere le statue di Gryla in tutto il paese, come nella casa di Natale di Akureyri e da Fossatun, per via del ruolo fondamentale nelle tradizioni natalizie islandesi. Molti credono che la casa sia a Dimmuborgir, visitata in molti tour da Akureyri, la capitale dell'Islanda settentrionale, ed è una tappa del famoso percorso turistico del Circolo dei Diamanti.

È facile da raggiungere con molti tour invernali self-drive e pacchetti vacanze.

I 13 Yule Lads islandesi

Gli Yule Lads in chiave moderna.Foto dall'incontro con gli Yule Lads a Dimmuborgir, Mývatn

Nella cultura moderna, quando arriva l'inverno, i tredici Yule Lads scendono dalle montagne per partecipare alle celebrazioni in tutto il paese, per giocare con i bambini e per intrattenere i più festaioli. Aiutano a rallegrare il Natale islandese. Nella foto, vedi una versione riadattata, rispetto a quella del vecchio folklore islandese.

Sebbene non abbiano ereditato il cannibalismo dalla madre, i bambini temevano i troll di Natale islandesi per il comportamento inquietante e rivoltante. Anche gli adulti, prima dell'industrializzazione, credevano ai troll: molti pensavano che ci fosse del vero nei racconti di Natale.

Sebbene ogni Yule Lad avesse le proprie stranezze, tutti condividevano le caratteristiche dei troll. Erano creature enormi, sporche, poco intelligenti, umanoidi e bestiali, che potevano agire solo nelle ore notturne, perché il sole li trasformava in pietra.

Stekkjastaur | Il disturba-pecore

Il disturba-pecore è il primo Yule Lad islandese.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Il primo degli Yule Lads a lasciare le montagne fu Stekkjastaur, o "il disturba-pecore". Dal 12 dicembre al 26, il modus operandi era quello di molestare le pecore di qualsiasi famiglia.

Solitamente, gli islandesi tenevano le pecore sottoterra nei mesi invernali, quindi quando i belati tormentati echeggiavano in casa, era segno che Stekkjastaur le aveva trovate. Questo suono, sebbene comune nei mesi invernali a causa dei temporali che tormentavano regolarmente il gregge, divenne ancora più minaccioso, soprattutto considerando che le pecore erano la linfa vitale di ogni cascina.

Nonostante fosse un temibile troll, Stekkjastaur, come molti dei suoi fratelli, era limitato da una deformità. Le gambe rigide compromettevano la capacità di movimento, quindi la cosa migliore da fare, quando lo sentivo infastidire gli animali, era aspettare che finisse, perché si sarebbe recato dal vicino di casa abbastanza presto.

Giljagaur | Il ladro di latte

The second Yule Lad is called Gully Gawk.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Giljagaur, o "il ladro di latte", è stato il secondo Yule Lad islandese a arrivare nei villaggi. Si nasconde vicino alle case, in attesa che le persone si addormentino, di modo da potere irrompere nelle stalle e rubare il latte disponibile.

In tal modo, ha derubato le famiglie dell'ingrediente chiave delle salse delle festività natalizie, per non parlare del tradizionale Skyr.

Sebbene solo gli islandesi più ricchi possedessero le mucche, storicamente la maggior parte delle persone più povere viveva nelle fattorie dei ricchi, il che significa che tutti venivano colpiti dalle buffonate del troll.

Stufur | Il ladro di padelle

Stufur, o il ladro di padelle, è uno degli Yule Lads islandesi.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Il terzo Yule Lad, Stufur o "il ladro di padelle", è diventato una seccatura in tutta l'Islanda a Natale. Ruba le pentole per mangiare la deliziosa crosta che rimane attaccata. Dal 14 al 26 dicembre, ha un appetito insaziabile.

Anche se non sembrare un crimine terribile, storicamente pentole e padelle erano preziose in Islanda. Il paese non aveva riserve di ferro o una propria industria mineraria, quindi tali beni dovevano essere importati ed erano molto costosi. Per alcune famiglie povere, era l'unica cosa di valore che possedevano.

Thvorusleikir | Il lecca-cucchiai

Il lecca-cucchiai è un troll di Natale islandese.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Thvorusleikir, il quarto Yule Lad, è conosciuto come "il lecca-cucchiai". Questo troll di Natale intraprende il tour nazionale di malizia il quindici dicembre di ogni anno, per irrompere nelle case degli islandesi e leccare i cucchiai delle famiglie, per un boccone da mangiare.

Il comportamento di Thvorusleikir era il risultato della sua strana deformità. Era grottescamente magro a causa della malnutrizione, cosa insolita tra i troll, bestie in sovrappeso e muscolose.

La lezione da imparare dal comportamento del lecca-cucchiai è meno evidente rispetto a quella di altri Yule Lads: forse, era semplice assicurarsi che i bambini pulissero le posate.

Pottaskefill | Il gratta-pentole

Pottaskefill, o il gratta-pentole, è uno degli Yule Lads islandesi.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Pottaskefill, noto come "il gratta-pentole", è legato alla golosità. Entrando in una casa dopo l'altra, cerca pentole con salsa, pezzi di carne arrosto lasciati sul vassoio, pentole di verdure e pulisce tutto ciò che è avanzato da mangiare.

Pottaskefill è stato creato per incoraggiare i bambini a finire il cibo. Gli avanzi possono portarlo a annusare alla porta. Poiché i prodotti alimentari dovevano essere conservati per durare durante i lunghi mesi invernali, veniva disapprovato qualsiasi spreco. Questo perché nessuno ha avuto il coraggio di partecipare a una battuta di pesca nei mari tumultuosi della stagione o di macellare un animale.

Askasleikir | Il lecca-scodelle

Il lecca-scodelle è uno dei tredici Yule Lads islandesi.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Giljagaur è fuori a rubare il latte, Stúfur sta scrostando le padelle, Pottaskefill si fa beffe degli avanzi e Thvorusleikir sta facendo esattamente quello che suggerisce il nome. Alla ricerca di un boccone c'era anche il sesto fratello, Askasleikir, anche se le sue gesta erano le più inquietanti (fino al momento).

Il nome si traduce in "lecca-scodelle". Ha la reputazione di inghiottire i resti di ciò che è rimasto nelle ciotole, o meglio di un "askur", che è un tipo islandese di ciotola intagliata con un coperchio. Ma il modo in cui lo fa è piuttosto osceno.

Ogni notte, Askasleikir si sdraia letteralmente sotto il letto di un bambino, aspettando che finiscano la zuppa o il budino notturni. Appena terminano, il troll afferra prontamente il cibo rimanente per ingoiarlo. Forse è stato creato per far addormentare i bambini quando viene chiesto loro o per non concedere uno spuntino di mezzanotte. È il parente del mostro sotto il letto.

Hurdaskellir | Lo sbattitore di porte

Lo sbattitore di porte è uno degli Yule Lads più umanoidi.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Hurdaskellir ha un modus operandi che ha imparato da un'altra delle più antiche creature dell'orrore. Il nome è "lo sbattitore di porte", cosa che fa durante il viaggio di tredici giorni nelle festività natalizie.

Fino alla fine del mese, si intrufola di casa in casa, raggiungendo le estremità più lontane dei fiordi occidentali, fino al vivace centro di Reykjavík, per irrompere e sbattere quante più porte possibili e svegliare coloro che dormono nell'abitazione.

Per via dei forti venti dell'inverno islandese e le case di torba, molti bambini sono rimasti svegli e terrorizzati durante il periodo natalizio, credendo che Hurdaskellir arrivasse nelle loro case.

Skyrgamur | Il mangiatore di skyr

L'ottavo Yule Lad ama rubare lo skyr islandese.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

I pasti che precedono il Natale sono tra i migliori dell'anno. Ci si può concedere un pollo cucinato alla perfezione, arrosto di noci, torte, omini di pan di zenzero, panini alla cannella e ogni sorta di altre prelibatezze. In questa stagione in Islanda, un piatto merita una menzione in più: il cremoso Skyr.

Questo prodotto caseario sano, gustoso e tradizionale può essere descritto come una delle vere prelibatezze islandesi, soprattutto se paragonato a piatti come "hakarl" (lo squalo fermentato) e "hrutspungar" (i testicoli di montone).

Lo skyr è particolare a Natale, perché lo si serve con gli enormi pasti arrosto delle vacanze.

In termini di folklore natalizio islandese, le persone non erano le uniche a desiderare lo skyr. Era anche il pasto preferito dell'ottavo Yule Lad islandese, Skyrgamur, o "il mangiatore di skyr".

Dal 18 al 30, questa delizia nazionale - da accompagnare sia ai piatti dolci sia a quelli salati - è una sorvegliata speciale, per non farla cadere nelle mani di questo troll nefasto.

Bjugnakraekir | Il ladro di salsicce

Il ladro di salsicce è uno Yule Lad islandese.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

L'affumicatura della carne è uno dei metodi di cottura preferiti in Islanda. Il pesce affumicato e l'agnello sono popolari durante l'anno; le salsicce affumicate sono conosciute come "bjuga".

Dalla notte del 20, era necessaria la vigilanza durante la preparazione del bjuga. Era l'unico pezzo di cibo su cui il nono Yule Lad, Bjugnakraekir, o "il ladro di salsicce", voleva mettere le sue mani sporche.

Bjugnakraekir ha attuato un piano perfetto per rubarle. Si diceva che avrebbe fatto irruzione nelle case e si sarebbe nascosto tra le travi, aspettando che la cena venisse cucinata, prima di piombare dall'alto per prenderle.

Gluggagaegir | La spia delle finestre

A Natale, in cerca di giocattoli, c'è lo Yule Lad islandese, la spia delle finestre.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Il decimo Yule Lad è stato forse il più inquietante di tutti: Gluggagaegir, o "la spia delle finestre".

Considerando l'oscurità degli inverni islandesi, dove ci sono solo quattro ore di sole al giorno intorno a Natale, ci vuole poco a immaginare la paura che i bambini devono avere provato passando davanti alle finestre nelle notti di Natale, terrorizzati dal fatto che il troll stesse guardando all'interno della camera.

Come molti degli altri personaggi menzionati precedentemente, sembra che il comportamento agghiacciante di Gluggagaegir sia stato pensato per spaventare i bambini e impedire loro di andare fuori negli inverni bui. Era anche un promemoria del fatto che la mangiatrice di bambini, Gryla, aveva occhi in tutto il paese, alla ricerca dei malfattori.

Gattathefur | L'annusatore delle porte

L'undicesimo Yule Lad islandese è l'annusatore di porte.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Gattathefur, o "l'annusatore delle porte", potrebbe essere entrato nel folklore a causa del vento che si insinua attraverso le case d'erba dell'Islanda. Si insinua in una casa per portare il caos e popolare gli incubi dei bambini islandesi, in compagnia della spia delle finestre e dello sbattitore di porte.

Gattathefur era famoso per il naso enorme e il motivo dell'annusare era nefasto: era sempre alla ricerca del pasto preferito, ovvero la prelibatezza islandese del laufabraud (il "pane con le foglie").

Questa delizia viene sfornata solo nel periodo natalizio e prepararla è un'impresa di famiglia, soprattutto nel nord. È rotonda, molto sottile, fritta e decorata con motivi intricati, di solito foglie.

Le famiglie che facevano decori importanti venivano adocchiate con attenzione da Gattathefur, che spesso rubava il loro laufabraud per primo.

Ketkrokur | L'uncina-carne

Il penultimo Yule Lad islandese è Ketkrokur, o l'uncina-carne.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

Le tradizioni culinarie natalizie variano in modo significativo tra le famiglie, ma c'è una caratteristica comune alla maggior parte delle feste festive ed è la carne. Nel folklore islandese, era l'obiettivo del furto del dodicesimo e penultimo Yule Lad, Ketkrókur, o "l'uncina-carne".

Stava in agguato ovunque ci fosse una cucina (dietro le porte, sotto i tavoli, negli armadi, fuori dalle finestre aperte) e stava in attesa che la carne di qualsiasi piatto venisse messa sul bancone. Poi tirava fuori il suo lungo gancio e rubava il delizioso pezzo di carne.

A differenza del fratello Bjugnakraekir, che cercava solo salsicce affumicate, Ketkrókur era ingordo di tutto e aspettava che l'intera famiglia si addormentasse prima di piombare dentro casa e rubare la carne.

Kertasnikir | Il ladro di candele

Il ladro di candele è l'ultimo Yule Lad islandese.Illustrazione di Haukur Valdimar Pálsson

L'ultimo Yule Lad è Kertasnikir, il cui nome si traduce in "il ladro di candele" o "il mendicante di candele". Arriva la vigilia di Natale e, come i suoi dodici fratelli, il nome è auto-esplicativo: le conseguenze dei suoi furti erano più fastidiose di quanto possano sembrare.

In passato, le candele erano incredibilmente preziose in Islanda, fornendo luce durante l'oscurità invernale, che dura circa venti ore durante il periodo natalizio. Le candele erano anche l'unico strumento disponibile per gli islandesi per godersi il loro passatempo preferito, la lettura. A Natale, in Islanda, leggere tutti insieme è una tradizione antica.

Questa usanza rende gli scherzi di Kertasnikir ancora più fastidiosi. L'intento non era nemmeno quello di usare le candele per godersi romanzi e poesie: ha soltanto cercato di sgranocchiare la cera di cui erano fatte le candele.

Per ottenerla, si assicurava di prenderla dagli obiettivi più facili in una famiglia, i bambini, seguendoli nelle loro camere da letto o negli angoli di lettura e rubandola direttamente dalle loro mani.

Kertasnikir era uno degli  Yule Lads più invadenti e più sconvolgenti per i bambini. Però era l'ultimo e, in tredici giorni, lui (insieme ai suoi fratelli, alla madre e al gatto) sarebbe tornato nelle grotte dell'Islanda settentrionale e non sarebbe ricomparso fino al prossimo Natale.

Oggi, ora che gli Yule Lad sono più vicini alle famiglie e tendono a dare più che a rubare, Kertasnikir è l'ultimo a fare regali ai bambini islandesi: molto spesso si tratta di una candela.

Link to appstore phone
Installa l'app di viaggio islandese migliore

Scarica sul tuo telefono il mercato di viaggi più grande d'Islanda per gestire l'intero viaggio in un unico posto

Scansiona questo codice QR con la fotocamera del telefono e premi il link che appare per aggiungere il mercato di viaggi più grande d'Islanda in tasca. Aggiungi il tuo numero di telefono o l'indirizzo e-mail per ricevere un SMS o un'e-mail con il link per il download.