Vulcano Hekla in Islanda di Sverrir Thorolfsson di Wikimedia Commons

La guida completa ai vulcani in Islanda

Nanna Gunnarsdóttir
Di 
Nanna Gunnarsdóttir
Verified Expert

Quanti vulcani ci sono in Islanda? Quanto spesso eruttano? Quante possibilità ci sono di vedere l'eruzione di un vulcano durante la propria vacanza in Islanda? Possono essere visitati in sicurezza? Leggi qui la guida completa ai vulcani in Islanda.



Definita la "Terra del fuoco e del ghiaccio", l'Islanda è un Paese delle meraviglie naturali in cui le forze gelide dei ghiacciai e del clima artico sono costantemente in conflitto con il calore esplosivo della terra. Il risultato è un mondo di contrasti estremi in un paesaggio brullo dalla bellezza assolutamente unica.

Nulla di tutto questo sarebbe possibile senza i vulcani islandesi. Forse più di ogni altra forza, essi definiscono la natura del Paese, creando infiniti campi di lava ricoperti di muschio, vaste distese di sabbia nera, cime frastagliate ed enormi crateri.

La lava si allontana dall'eruzione di Holuhraun negli altopiani islandesi.

Le forze vulcaniche sotto la superficie terrestre danno vita ad alcune delle meraviglie più popolari del Paese, come le sue sorgenti di acqua calda naturali e i suoi geyser esplosivi. Le conseguenze delle eruzioni passate hanno prodotto anche altro, come le tortuose grotte di lava e le rupi definite da colonne esagonali di basalto.

In migliaia vengono in Islanda per ammirare i suoi vulcani e le meraviglie che hanno creato e continuano a creare; durante le eruzioni, sono ancora di più quelli che accorrono per avere la possibilità di osservare uno dei fenomeni più belli e scenografici della Terra. Considerando quanto sono essenziali per la natura, l'industria e il carattere islandesi, abbiamo messo insieme questa guida completa sui vulcani in Islanda per rispondere a tutte le tue domande su queste forze del fuoco.



Sommario

Quanti vulcani ci sono in Islanda

Cenere che fluttua da Holuhraun, un vulcano in Islanda.

Ci sono circa 130 vulcani in Islanda, fra attivi e inattivi. Sotto l'isola si trovano all'incirca 30 sistemi vulcanici attivi, in tutte le zone del Paese tranne i Fiordi Occidentali.

Il motivo per cui nei Fiordi Occidentali non c'è più alcuna attività è perché sono la parte più antica della massa continentale dell'Islanda, formatasi circa 16 milioni di anni fa e che da allora viene allontanata dalla dorsale medio atlantica. Di conseguenza, i Fiordi Occidentali sono l'unica regione del Paese dove bisogna riscaldare l'acqua con l'elettricità, invece di usare l'acqua riscaldata geotermicamente.



Perché l'Islanda è così vulcanica?  

Il campo di lava di Eldhraun nelle Highlands è un perfetto esempio degli effetti dei vulcani sulla natura islandese.

Il vulcanismo dell'Islanda deriva dal fatto che il Paese è situato proprio sulla dorsale medio atlantica. Questa dorsale separa le placche tettoniche nordamericana ed euroasiatica e l'Islanda è uno dei pochi luoghi sulla Terra dove può essere vista sopra il livello del mare.

Queste placche tettoniche sono divergenti, cioè si allontanano l'una dall'altra. Contemporaneamente il magma risale dal mantello per riempire lo spazio fra le due placche sotto forma di eruzioni vulcaniche. Questo avviene lungo tutta la faglia, come si può notare su altre isole vulcaniche, per esempio le Azzorre e Sant'Elena.

La dorsale medio atlantica attraversa tutta l'Islanda, quindi gran parte di essa è, in realtà, sul continente nordamericano. Ci sono tante località nel Paese dove è possibile osservare parti della dorsale, come la penisola di Reykjanes e l'area del lago Mývatn, ma Thingvellir è la migliore. Infatti, lì puoi stare in una valle fra le due placche e vedere chiaramente le pareti dei due continenti sui lati opposti del parco nazionale.

A causa della divergenza fra le due placche, questa valle si allarga di circa 2,5 centimetri all'anno.



Quanto spesso avvengono le eruzioni vulcaniche in Islanda? 

Una foto dell'eruzione maggiore più recente in Islanda, a Holuhraun.

Le eruzioni vulcaniche in Islanda sono un fenomeno imprevedibile ma relativamente regolare. Fin dall'inizio del XIX secolo, non è passato un decennio senza che ce ne fosse almeno una, ma se avvengono in rapida successione o distanziate nel tempo è piuttosto casuale.

La più recente eruzione nota in Islanda è stata quella dell'Holuhraun negli altopiani dell'interno nel 2014. Il vulcano Grímsfjall ha avuto una breve eruzione nel 2011, mentre la più celebre eruzione dell'Eyjafjallajökull ha causato molti problemi nel 2010. Abbiamo usato la parola "nota" perché si pensa ci siano state varie eruzioni vulcaniche subglaciali in diverse località in tutto il Paese che non sono riuscite a rompere il ghiaccio, come nei casi del Katla nel 2017 e dell'Hamerinn nel 2011.



Quanto sono pericolose le eruzioni vulcaniche in Islanda? 

Nonostante il loro straordinario potere, la minaccia alla vita dalla lava di un vulcano è praticamente nulla in Islanda.

Il rischio per le vite umane durante le eruzioni vulcaniche in Islanda attualmente è minimo. Le stazioni sismiche in tutto il Paese riescono a predire le eruzioni e, se un vulcano importante come il Katla o l'Askja mostra segni di attività, le zone circostanti vengono chiuse e monitorate con attenzione.

La maggior parte dei vulcani attivi sono ben lontani dai centri abitati, grazie al buonsenso dei primi coloni. La costa meridionale dell'Islanda, per esempio, ha pochissimi villaggi e città perché vulcani importanti come il Katla e l'Eyjafjallajökull sono situati poco a nord. Dato che entrambi si trovano sotto ghiacciai, le loro eruzioni possono causare enormi inondazioni glaciali che spazzano via qualsiasi cosa fra di essi e l'oceano.

Questo è il motivo per cui gran parte del sud sembra un deserto di sabbia nera: si tratta di una piana glaciale.



La spiaggia di Reynisfjara, sulla costa meridionale dell'Islanda, ha sabbie nere per inondazioni glaciali.

Queste inondazioni glaciali, o jökulhlaup come vengono chiamate in islandese, costituiscono una delle conseguenze più pericolose dei vulcani in Islanda, a causa della loro imprevedibilità. Come detto sopra, le eruzioni subglaciali possono avvenire senza che nessuno se ne accorga e quindi queste inondazioni improvvise possono accadere senza alcun segnale apparente.

Ovviamente la scienza è in costante miglioramento e oggi, se anche solo si sospetta una jökulhlaup, le zone a rischio vengono evacuate e monitorate. Quindi è imperativo non guidare mai su strade chiuse al traffico, anche se è estate e apparentemente non ci sono pericoli.

Benché la maggior parte dei vulcani distino molto dai centri abitati, l'imprevisto può sempre capitare. Quando è successo, comunque, le misure d'emergenza dell'Islanda sono state incredibilmente efficaci. Prendiamo, per esempio, l'eruzione del 1973 dell'Heimaey nelle isole Vestmann.



Le isole Vestmann sono un arcipelago vulcanico del quale solo l'isola di Heimaey è abitata; al momento dell'eruzione ci vivevano 5.200 persone. A partire dalle prime ore del 22 gennaio, una fessura che si era aperta al limitare della cittadina arrivò fino al centro rompendo le strade, mentre la lava che ne fuoriusciva consumò centinaia di edifici.

Nonostante l'eruzione fosse avvenuta nel cuore della notte e in pieno inverno, l'evacuazione dell'isola fu rapida ed efficiente. Dopo aver messo in salvo la popolazione sulla terraferma, le squadre di soccorso islandesi collaborarono con le truppe statunitensi presenti nel Paese per minimizzare i danni.

Pompando costantemente acqua di mare sul flusso di lava, non solo riuscirono a deviarlo lontano dalla maggior parte delle case, ma gli impedirono anche di chiudere il porto, cosa che avrebbe rovinato per sempre l'economia dell'isola.

Anche se quasi 400 abitazioni furono distrutte e le infrastrutture dell'isola furono gravemente danneggiate, solo una persona perse la vita in conseguenza dell'eruzione dell'Heimaey. Oggi la cittadina è stata ricostruita ed è un centro turistico che accoglie chi desidera dedicarsi all'osservazione delle balene o delle pulcinelle di mare, oppure scoprirne di più su questo evento affascinante.



La terra del ghiaccio e del fuoco, l'Islanda è conosciuta per le sue eruzioni vulcaniche.

Per quanto la previsione e la reazione islandesi alle eruzioni vulcaniche siano diventate eccellenti, ci sono ancora alcuni pericoli associati di cui i viaggiatori dovrebbero essere a conoscenza. Se dovesse verificarsi un'eruzione durante la tua permanenza in Islanda, è importante sapere la direzione del vento. Persino un'eruzione negli altopiani dell'interno può influire sulla qualità dell'aria a Reykjavík se i venti sono sfavorevoli, causando problemi respiratori ai più piccoli, agli anziani e a tutti quelli che vi sono soggetti.

Spesso si raccomanda di restare all'interno con le finestre chiuse nei giorni in cui i livelli di tossicità sono particolarmente alti.

Puoi controllare gli avvisi riguardanti le eruzioni e la qualità dell'aria sul sito web dell'ufficio meteorologico islandese.

Anche se il rischio per le vite umane durante le eruzioni in Islanda è molto basso, il loro impatto più ampio può essere comunque enorme. Le eruzioni in Islanda sono eventi di importanza mondiale che possono avere conseguenze drammatiche, anche a centinaia di chilometri di distanza.

Quando la lava emerge dal ghiaccio, la nuvola di cenere è molto più distruttiva.

Gli elementi portati in superficie dalle profondità della Terra durante queste eruzioni, per esempio, possono avvelenare i raccolti e il bestiame, rovinando così coloro che si guadagnano da vivere con queste attività. Si ritiene che l'Holuhraun abbia causato la morte in massa di migliaia di pecore in tutto il Paese nel 2015, cosa che ha messo gravemente a rischio il sostentamento di molti allevatori islandesi.

Anche le nubi di ceneri generate dai vulcani islandesi possono creare seri problemi. Come è successo nel 2010, quando ha eruttato l'Eyjafjallajökull: sono stati cancellati i voli in tutta Europa, causando danni rilevanti all'economia. Quelle, comunque, sono state conseguenze relativamente minori in confronto a precedenti nubi di ceneri. L'eruzione del Laki nel 1784, per esempio, ne generò una molto più catastrofica.

La nube si spostò su tutta l'Europa, causando dense nebbie che fecero chiudere i porti, provocando così una grave scarsità di generi alimentari e portando un caldo tale che gran parte del cibo andava comunque rapidamente a male. Avvelenò anche coloro che lavoravano all'aperto; si stima che uno dei vicini più prossimi dell'Islanda, la Gran Bretagna, perse circa 23.000 persone per colpa dei gas.

Le conseguenze furono ancora più drammatiche in Francia; il suo impatto sul clima del Paese provocò una carestia così terribile che molti storici considerano l'eruzione del Laki uno dei principali catalizzatori della Rivoluzione francese. In Egitto, nel frattempo, l'eruzione abbassò le temperature, portando all'assenza di precipitazioni, facendo così prosciugare il Nilo e causando la perdita di un sesto della popolazione del Paese.

Nel complesso, circa sei milioni di persone morirono per colpa dell'eruzione del Laki.

Quale è stata l'eruzione peggiore in Islanda? 

La più catastrofica eruzione in Islanda in termini di vite umane è stata senza dubbio la suddetta eruzione del Laki nel 1784. Non solo ebbe un impatto significativo sul clima e sulla salute a livello globale, ma quasi distrusse la nazione.

A causa dell'enorme quantità di ceneri, i raccolti in tutto il Paese non furono più commestibili e i fiumi furono avvelenati. La metà di tutto il bestiame fu sterminata e un terzo degli islandesi persero la vita per colpa della conseguente carestia. Un altro terzo lasciò il Paese, la maggior parte dei quali emigrarono nel Nord America nella speranza di una nuova vita più prospera lontano da quella che sembrava un'isola morente.



In che modo l'Islanda sfrutta i suoi vulcani? 

L'energia vulcanica in Islanda viene utilizzata per elettricità, acqua calda, infrastrutture, industria e attività ricreative.

Anche se la minaccia di un'eruzione e la preoccupazione per le sue conseguenze sono presenze costanti nella mente degli islandesi, senza i suoi sistemi vulcanici e la loro energia geotermica l'Islanda non sarebbe la metà della nazione che è oggi.

Gran parte dell'economia e delle infrastrutture dell'Islanda dipendono dalle sue forze geotermiche. La stragrande maggioranza dell'acqua calda del Paese viene pompata direttamente dalla terra ai rubinetti e ai termosifoni, fornendo così un riscaldamento economico e rispettoso dell'ambiente. Frutta, verdura ed erbe aromatiche vengono coltivate tutto l'anno in serre, offrendo così prodotti della terra freschi anche in pieno inverno.

Inoltre, l'Islanda produce circa il 30% della sua elettricità in centrali geotermiche; dato che il resto è di origine idroelettrica, questo è uno dei pochi Paesi al mondo che sfrutta quasi esclusivamente fonti di energia rinnovabili. Questo non vuol dire, tuttavia, che il potenziale dei vulcani islandesi sia sempre usato per scopi benefici; l'industria pesante, in particolare quella dell'alluminio, sta lentamente prendendo piede in Islanda perché le aziende straniere vedono le potenzialità di una fonte di calore così grande e liberamente accessibile.

Ovviamente anche il settore turistico islandese dipende in maniera massiccia dai suoi vulcani; dopotutto, non si può essere la "Terra del fuoco e del ghiaccio" senza entrambi questi elementi all'opera.

Il turismo vulcanico in Islanda 

Molti attribuiscono all'eruzione dell'Eyjafjallajökull nel 2010 il recente boom del turismo in Islanda. Mentre la pronuncia del suo nome creava problemi ai presentatori di tutto il mondo, milioni di persone potevano vedere scenografici filmati di questo Paese in tutto il suo naturale splendore ed erano ispirati ad ammirarlo ulteriormente.

Non stupisce quindi che gran parte del settore turistico si sia sviluppato attorno all'esplorazione dei vulcani e delle regioni vulcaniche. Infatti è disponibile una grande varietà di escursioni; alcune sono semplici giri turistici guidati, come questa gita della penisola di Reykjanes, durante la quale potrai ascoltare storie locali sulla regione, mentre altre hanno una componente più avventurosa.

Questo tour in super jeep ti porterà dal villaggio di Húsavík ad alcuni dei crateri dell'Islanda settentrionale e comprende una parte di esplorazione delle grotte durante la quale imparerai ancora di più sui processi che avvengono nel corso delle eruzioni vulcaniche. Questo tour aereo, invece, ti farà ammirare il cratere Grímsvötn, sotto l'enorme ghiacciaio Vatnajökull, da una prospettiva impareggiabile.

I fumi vulcanici salgono dalla terra vicino a Myvatn, nel nord dell'Islanda.

La più eccezionale escursione vulcanica in Islanda è una che non si svolge in nessun altro Paese: questo tour dentro il vulcano ti consente di scendere nell'enorme camera magmatica dai colori vivaci di un vulcano dormiente, usando un ascensore. È incredibilmente raro che un vulcano si raffreddi in maniera tale da renderlo possibile, offrendo così un'opportunità davvero unica nella vita per chi desidera ammirare la natura dell'Islanda in tutta la sua maestosità.

Va segnalato che la stragrande maggioranza dei tour in Islanda comprende, in un modo o nell'altro, i vulcani. Il Paese ne ospita così tanti che è praticamente impossibile evitarli. Tutti i tour di Snæfellsnes, per esempio, si svolgono all'ombra del magnifico vulcano Snæfellsjökull. Durante tutte le escursioni attorno al lago Mývatn potrai osservare parti del sistema del Krafla e il trekking sugli altopiani dell'interno te ne farà ammirare molti altri.

Da segnalare in particolare il sentiero da trekking Fimmvörduháls, che attraversa il percorso seguito dalla lava durante la più recente eruzione dell'Eyjafjallajökull. Lì troverai i due crateri più nuovi dell'Islanda, Magni e Módi.

Molti operatori modificano i propri tour quando comincia un'eruzione. Tieni d'occhio i tour in super jeep, aereo ed elicottero se uno dei vulcani islandesi erutta e desideri veder scorrere la lava.

I 9 vulcani più famosi dell'Islanda 

Come già detto, in Islanda ci sono oltre 130 vulcani noti. Molti di essi richiedono di essere analizzati più nel dettaglio per la loro natura attiva, la loro bellezza straordinaria, la loro storia oscura o le opportunità di tour che offrono.

Abbiamo quindi stilato una lista di nove vulcani che tutti i viaggiatori dovrebbero visitare in Islanda. 

Eyjafjallajökull: il vulcano più famoso dell'Islanda 

La maggior parte delle persone conoscono il vulcano Eyjafjallajökull perché la sua eruzione nel 2010 provocò gravi disagi al trasporto aereo europeo. Può aver causato problemi a tanti viaggiatori, ma in confronto alle maggiori eruzioni del passato in Islanda si è trattato di un evento relativamente minore.

Ciò nonostante, l'eruzione del 2010 è stata la più grande dell'Eyjafjallajökull finora; c'erano state alcune altre eruzioni in passato, ma nulla su tale scala. Fra il 1821 e il 1823 ci fu un'eruzione piuttosto piccola ma lunga; ci furono delle eruzioni anche nel 1612-1613 e nel 920, ma non se ne sa molto.

Il sistema vulcanico dell'Eyjafjallajökull è collegato a quello del Katla; questo significa che un'eruzione del primo di solito ne scatena una del Katla entro 5 anni. Finora non ce n'è stata alcuna, anche se, come molte fonti possono confermare, è da molto che ci si attende una potente eruzione del Katla.

L'Eyjafjallajökull è diventato un'attrazione popolare in seguito alla sua eruzione nel 2010. Durante i primi giorni dell'eruzione, migliaia di persone giunsero in Islanda per ammirarla e parecchi prendevano aeroplani ed elicotteri per avere una visuale ottimale. 

Thríhnúkagígur: l'unico vulcano in cui si può entrare

Come detto in precedenza, l'unico vulcano al mondo con una camera magmatica accessibile è il Thríhnúkagígur in Islanda. Essendo inattivo da circa 4.000 anni, non presenta rischi di eruzione e questo rende le escursioni sicure quanto incantevoli.

Lo spazio interno alla camera magmatica del Thríhnúkagígur è complessivamente di circa 150.000 metri cubi. Vi si accede con un piccolo ascensore minerario situato all'ingresso, che ti farà scendere per 120 metri fino alla base di questa enorme caverna. La parte inferiore è grande all'incirca come un campo da calcio, offrendo così un sacco di spazio da esplorare.

Per avere un termine di paragone, all'interno del Thríhnúkagígur potrebbe starci tranquillamente la Statua della Libertà.

Oltre alle sue dimensioni, la cosa più impressionante di questa camera magmatica è la sua vivace colorazione. La lava al suo interno conserva molti elementi fatti emergere dal mantello della Terra e le loro vibranti sfumature sono in bella vista; le pareti sono colorate di rosso, verde e giallo da ferro, rame e zolfo rispettivamente.

Grímsvötn: i vulcani più letali dell'Islanda

Eruzioni vulcaniche di Skaftáreldar nella foto di Ásgrímur Jónsson (1876-1958)

Il sistema vulcanico del Grímsvötn è il più instabile fra i 30 esistenti in Islanda. Situato sotto il ghiacciaio Vatnajökull a sud-est, è formato da crateri per lo più invisibili al di sotto del ghiaccio. Quando avviene un'eruzione, le nubi di ceneri che ne derivano sono fra le più grandi e letali.

Il suddetto vulcano Laki, che provocò disastri a livello mondiale nel 1784, fa parte di questo sistema vulcanico.

Hekla: la porta dell'inferno

Vulcano Hekla in Islanda di Sverrir Thorolfsson di Wikimedia Commons

Il vulcano Hekla è uno dei più famosi e attivi dell'Islanda. Nel Medioevo era noto come "la porta dell'inferno" a causa delle sue eruzioni regolari ed esplosive durante quel periodo. È anche uno dei vulcani meno prevedibili dell'Islanda, con intervalli fra un'eruzione e l'altra compresi fra 9 e 121 anni.

A partire dalla colonizzazione, ha causato danni in numerose occasioni, espellendo milioni di tonnellate di tefra alla volta. Nel 1104 ci fu la sua eruzione più potente, anche se quelle del 1300, 1693 e 1845 furono più distruttive in termini di danni al bestiame e agli edifici e in perdita di vite umane.

L'ultima eruzione è stata il 26 febbraio del 2000, ma fu relativamente minore.

Katla: il vicino esplosivo dell'Eyjafjallajökull  

Katla si trova sotto il ghiacciaio Mýrdalsjökull nel sud-est dell'Islanda.

Uno dei vulcani più potenti ed esplosivi dell'Islanda, il Katla, dà segnali da anni; gli scienziati pubblicano allerte ogni pochi mesi per informare il pubblico dell'aumentata attività e per ricordare che questo vulcano deve eruttare da tempo. Collegato al sistema dell'Eyjafjallajökull, di solito erutta pochi anni dopo il suo vicino, con conseguenze drammatiche.

Come detto in precedenza, questo vulcano si trova sotto il ghiacciaio Mýrdalsjökull nel sud dell'Islanda e, quando erutta, è tristemente noto per le sue immense nubi di ceneri e le sue catastrofiche jökulhlaup.

Snæfellsjökull: l'ingresso del centro della Terra 

Vulcano Snæfellsjökull in Islanda occidentale

Lo Snæfellsjökull è uno dei vulcani più visitati, famosi e amati dell'Islanda. Situato sulla punta della penisola di Snæfellsnes, regala uno sfondo scenografico a molti siti della zona ed è un parco nazionale per la sua bellezza.

Lo Snæfellsjökull è particolarmente degno di nota per il suo ruolo nella cultura. Molti artisti sono stati ispirati dal suo splendore, in particolare gli scrittori Halldór Laxness, che lo ha utilizzato come principale ambientazione di Sotto il ghiacciaio, e Jules Verne, secondo cui ospitava una grotta che portava al nucleo della Terra in Viaggio al centro della Terra.

Forse in maniera più curiosa, questo vulcano ha attirato l'attenzione di quanti credono nel paranormale. Infatti, secondo migliaia di persone, alla mezzanotte del 5 novembre 1992 gli alieni l'avrebbero usato come sito di atterraggio. Si riunì un'immensa folla, fra cui varie troupe televisive da tutto il mondo, per quella che fortunatamente si rivelò una notte priva di eventi.

Askja: il vulcano della sorgente calda dell'Islanda

Il lago ghiacciato del vulcano Askja negli altopiani islandesiFoto del tour privato dell'Askja 

 

L'Askja era praticamente sconosciuto come vulcano fino al 1875, quando ci fu un'enorme eruzione. La cenere fu particolarmente abbondante, avvelenando la terra e sterminando il bestiame in gran parte del Paese, soprattutto nei Fiordi Orientali. I suoi effetti furono percepiti fino in Norvegia e in Svezia. Come le eruzioni del Laki un secolo prima, anche quella dell'Askja spinse molti islandesi a emigrare in Nord America.

Oggi, l'Askja è conosciuto soprattutto per il grande lago nella sua caldera, formatosi durante questa eruzione. Nonostante la sua altitudine, restò caldo per molti anni, anche se adesso è gelato per la maggior parte dell'anno. In un'altra caldera adiacente si trova un lago geotermico più piccolo chiamato Víti, che è abbastanza caldo da poterci fare il bagno.



Krafla: il vulcano del lago nel cratere freddo 

Víti nel vulcano del cratere Krafla in IslandaFoto di Jesse.Hu

Il Krafla è un vulcano particolarmente attivo nell'Islanda settentrionale, avendo eruttato 29 volte dalla colonizzazione; 9 di queste eruzioni, tuttavia, sono avvenute fra il 1975 e il 1984. È famoso anche per un lago situato nel suo cratere, che stranamente si chiama anch'esso Víti. La principale differenza fra i due è che il Víti nel Krafla è un lago freddo, mentre il Víti nell'Askja è riscaldato geotermicamente. Il Víti nel Krafla ha inoltre uno splendido colore verdazzurro.

Il Krafla è un'attrazione popolare nella zona di Mývatn, meta di molti tour grazie alla sua vicinanza all'area delle sorgenti calde di Námafjall. La sua cima più alta raggiunge gli 818 metri, è profondo 2 chilometri e la sua caldera ha un diametro di 10 chilometri.



Hverfjall/Hverfell: il vulcano facile da esplorare

Vulcano Hverfjall / Hverfell nel nord dell'IslandaFoto di Jesse.Hu

Un altro vulcano popolare nel nord dell'Islanda è noto con i nomi Hverfjall o Hverfell. Non erutta da circa 4.500 anni, nonostante l'attività vulcanica che lo circonda.

L'Hverfjall è particolarmente amato perché è semplice da esplorare; il cratere è facilmente accessibile dalla Ring Road e ha il diametro di 1 chilometro. Ci vuole solo un'ora per percorrere l'orlo di questo cono vulcanico che si trova proprio vicino al lago Mývatn.


  • Per saperne di più sul ghiaccio della Terra del fuoco e del ghiaccio, leggi questo articolo sui ghiacciai in Islanda