Hallgrímskirkja è uno dei luoghi per cui Reykjavík è conosciuta.

Giri turistici a Reykjavík

Esperto verificato

La scultura di Sólfarið (Sun Voyage) sulla costa settentrionale di Reykjavík

Quali sono i siti più iconici di Reykjavík? Dove si può trovare il meglio dell'arte, della storia e della cultura della città? Leggi qui per scoprire tutto quello che c'è da sapere sui giri turistici nella e intorno alla vivace capitale dell'Islanda.



L'Islanda è nota in tutto il mondo principalmente per la sua natura: le sue aurore boreali, gli imponenti ghiacciai, le incredibili cascate, gli splendidi altopiani dell'interno e, ovviamente, gli esplosivi vulcani. Di conseguenza, quando la maggior parte delle persone vengono qui spesso riflettono poco su quello che faranno a Reykjavík.

La capitale, invece, è piena di sorprese e attrazioni che possono piacere a persone con un'ampia varietà di interessi.

Mappa delle principali attrazioni di Reykjavik, la capitale dell'Islanda

Gli esperti di storia saranno colpiti dagli edifici antichi della città e dai reperti del suo passato vichingo e medievale; i più colti apprezzeranno siti come l'auditorium Harpa e la chiesa Hallgrímskirkja. Gli appassionati di arti visive troveranno un sacco di notevoli statue, sculture e street art in tutta Reykjavík; mentre gli amanti della natura scopriranno che possono ammirare tanti paesaggi spettacolari senza lasciare la città.

Comunque non sono solo le destinazioni di un giro turistico a rendere così piacevole trascorrere uno o più giorni a esplorare Reykjavík. Questa città ha un meraviglioso fascino che deriva dai suoi molti contrasti.

Vecchie case dai colorati tetti di latta circondano nuove costruzioni che trasmettono modernità e raffinatezza; strette strade collinari con edifici ammassati caoticamente vengono interrotte da ampi spazi verdi; luoghi tranquilli dove è possibile riflettere in pace sono facilmente raggiungibili a piedi dall'animato centro.

Municipio di Reykjavík.
La capitale sembra al contempo una piccola comunità unita e una città che guarda al futuro. Oltre che con i suoi siti turistici e il suo naturale fascino, la città accoglie i visitatori con un'infinità di gallerie, musei, negozi e bar e con i continui festival ed eventi dal vivo. Reykjavík prosegue la sua ascesa come una delle principali capitali culturali del mondo.



Come fare giri turistici a Reykjavík 

Ci sono svariati modi per godersi i siti di Reykjavík e le opzioni sono in costante aumento grazie al crescente numero di turisti. Si aspettano fino a 2 milioni di persone nella capitale nel 2017 e sono disponibili tour pensati per adattarsi all'ampia varietà di gusti differenti che accompagnano simili numeri. 

I colorati tetti di latta delle case di Reykjavík.

Foto del Tour a piedi di Reykjavík | Esplora la capitale dell'Islanda con una guida locale

Tutto l'anno sono disponibili tour a piedi guidati, che ti porteranno in una serie di luoghi iconici scelti; molti sono gratuiti, anche se è possibile pagare per un tour privato e abbinarlo ad attività culturali come la degustazione di birre.

Ci sono autobus hop-on hop-off che puoi sfruttare per raggiungere una maggiore varietà di destinazioni in un periodo di tempo più lungo, nonché tour in minibus guidati e tour privati in auto. Se ti va di fare un po' di esercizio sono disponibili anche tour in bici.

Se queste opzioni non sono abbastanza ardite per te, c'è anche una varietà di tour aerei che ti regaleranno una prospettiva affascinante degli edifici più iconici della città e dei panorami circostanti.

Queste elettrizzanti escursioni possono essere fatte in elicottero o in aereo e sono comode quanto entusiasmanti perché partono dall'aeroporto nazionale di Reykjavík tutto l'anno con tempo favorevole.

Una vista di Reykjavík dal cielo.Foto del tour di Reykjavík in elicottero

L'ultima opzione è quella di visitare i siti della città in autonomia, basandoti sui tuoi interessi e gusti, che siano storici, culturali, artistici o naturalistici.

I siti storici di Reykjavík 

Secondo il Landnámabók, Reykjavík è stata abitata dall'874; ha quindi un affascinante passato che influenza molti dei suoi siti più popolari. Ospitando la casa dove furono piantati i semi per porre fine alla guerra fredda, il parlamento di maggiore durata al mondo e rovine vichinghe del X secolo, Reykjavík offre un sacco di posti che di certo affascineranno gli appassionati di storia.

L'Höfdi House

La casa di Höfði potrebbe non sembrare molto, ma ha una storia affascinante.

Foto: Wikimedia, Creative Commons, foto di Polarlys

L'Höfdi House è uno dei siti storici più significativi a livello internazionale in Islanda. In origine era il consolato francese del Paese, ma nel 1986 assunse un ruolo molto più importante di quello che la sua umile apparenza farebbe credere. Fu qui che si tenne il summit di Reykjavík, nel corso del quale il presidente Reagan e il segretario Gorbaciov si incontrarono durante la guerra fredda per discutere un bando internazionale dei missili balistici. 
 
Anche se le trattative si arenarono, servirono a mostrare a ciascuna parte le concessioni che l'altra era disposta a fare e quindi il vertice all'Höfdi House fu cruciale per la firma del trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) del 1987. Molti considerano questo incontro come l'inizio della fine della guerra fredda.

L'Althingi e la cattedrale

Il parlamento in corso più lungo al mondo si trova a Reykjavík.

Foto: Wikimedia, Creative Commons, foto di Zinneke 

In centro, troverai il parlamento islandese (l'Althingi) e la cattedrale di Reykjavík proprio uno vicino all'altra. Il parlamento fu spostato qui nel 1849, centralizzando il potere in Islanda a Reykjavík dopo che era esistito nel parco nazionale Thingvellir per oltre 7 secoli.

L'Althingi è il parlamento di maggiore durata al mondo; spesso è possibile vedere qui le forze della democrazia all'opera. Di frequente si svolgono proteste fuori dalle porte di ingresso. Queste dimostrazioni hanno raggiunto in passato la ribalta internazionale per la loro portata, in particolare quelle in risposta alla crisi economica e ai Panama Papers.

La cattedrale di Reykjavík è più umile ma più storica della chiesa Hallgrímskirkja.

Foto: Wikimedia, Creative Commons, foto di JuTa

La cattedrale di Reykjavík viene spesso trascurata, perché molti suppongono che questo ruolo appartenga ad Hallgrímskirkja, la chiesa che domina la città. Invece, questo edificio pittoresco è la chiesa più antica di Reykjavík, essendo stata consacrata originariamente nel 1796. Il suo semplice stile luterano racconta la storia religiosa dell'Islanda.

L'ufficio del Primo Ministro e Menntaskólinn í Reykjavík

La folla si raduna attorno all'ufficio del Primo Ministro.

Foto di Matito

Stjórnarrádshúsid, sulla Lækjartorg proprio vicino al centro, è l'ufficio del Primo Ministro dal 1904. Situato in una posizione molto centrale, senza recinzioni o sicurezza visibile, questo sito la dice lunga sull'atmosfera sicura e tranquilla dell'Islanda (oppure, quando è ricoperto di carta igienica e murales, testimonia che la gente non è contenta della persona in carica). 

La più antica scuola islandese, Menntaskóllin í Reykjavik.

L'ufficio si trova sulla stessa strada della più antica scuola dell'Islanda, Menntaskólinn í Reykjavík. Questa scuola ebbe inizio nel 1056, nella sede episcopale di Skálholt, fu trasferita a Reykjavík nel 1786 e nell'attuale sito nel 1846.

Le rovine della casa lunga

Le rovine di Longhouse sono uno dei siti storici più affascinanti e antichi dell'Islanda.Foto della mostra sulla colonizzazione

Anche se in questo elenco di siti non abbiamo volutamente inserito musei, la mostra sulla colonizzazione di Reykjavík rappresenta un'eccezione, perché è imperdibile per tutti gli appassionati di storia. Al suo interno, potrai vedere i reperti archeologici del più antico insediamento nella zona di Reykjavík, compresi alcuni pezzi che risalgono al IX secolo. C'è anche una sala ben conservata e un frammento della parete di una casa lunga del X secolo.
 
Il biglietto d'ingresso alla mostra costa 1.600 ISK per gli adulti, mentre è gratuito sotto i 17 e sopra i 67 anni. Si trova su Adalstræti, la strada più antica di Reykjavík, che comprende edifici risalenti alla metà del XVIII secolo.



Laugavegur 

Bravo e Kiki sono famosi bar sulla strada principale, specialmente tra la strana comunità.

Foto da Happy Hour: i bar più economici di Reykjavík

Laugavegur è la principale via dello shopping di Reykjavík, famosa per i suoi negozi, ristoranti e bar. È anche una delle strade più antiche dell'Islanda. Il suo nome significa "via del lavaggio" o "via dell'acqua", perché era di qui che le persone passavano per portare i loro vestiti a lavare nelle sorgenti di acqua calda nel Laugardalur.

La strada fu costruita nel 1885 e conserva vari edifici storici, come il ristorante più antico di Reykjavík, Prikid, e il luogo di nascita dell'unico vincitore islandese del premio Nobel, lo scrittore Halldór Laxness.



I siti culturali di Reykjavík 

Nel XX e nel XXI secolo, la cultura a Reykjavík ha avuto un boom. Prima della Seconda guerra mondiale, la città era priva di luoghi degni di nota, come edifici belli o locali in cui le persone potessero apprezzare le arti e socializzare. Con lo sviluppo del dopoguerra e la successiva espansione del turismo, Reykjavík è cresciuta in maniera incredibilmente rapida, al punto da essere nominata fra le nove capitali europee della cultura nel 2000

La chiesa Hallgrímskirkja

Hallgrímskirkja è uno dei luoghi per cui Reykjavík è conosciuta.La chiesa Hallgrímskirkja è probabilmente l'edificio più iconico di Reykjavík. Con la sua altezza di 74,5 metri, è una delle strutture più alte del Paese e la sua posizione in cima alla collina contribuisce ad aumentare le sue dimensioni. Questa chiesa luterana fu consacrata nel 1986 dopo 41 anni dall'inizio dei lavori e prese il nome dal poeta e pastore islandese del XVII secolo, Hallgrímur Pétursson.
 
La sua bellezza deriva in gran parte dalle ispirazioni alla base della sua estetica. Classicamente islandese, le sue tre principali influenze sono la semplicità del design protestante, le colonne esagonali di basalto che si possono trovare in tutto il Paese (in particolare quelle della cascata Svartifoss) e la forma del martello di Thór, il dio norreno del tuono.

Reykjavík sotto un arcobaleno, visto da Hallgrímskirkja.

È possibile accedere alla chiesa gratuitamente; la sua ampia navata, l'enorme organo e la raffinata arte la rendono un luogo splendido. Si può inoltre salire sulla torre per ammirare panorami davvero incantevoli dei colorati tetti di latta di Reykjavík e della natura circostante. Il biglietto costa 900 ISK per gli adulti e 100 ISK per i bambini dai 7 ai 14 anni.

L'auditorium Harpa

Nonostante sia una tale nuova costruzione, Harpa è ora parte integrante della città.
Fin dalla sua inaugurazione nel 2011, l'Harpa ha fatto concorrenza alla chiesa Hallgrímskirkja come edificio più iconico della capitale. Dall'architettura moderna, con una facciata di vetro costituita da finestre di forme diverse, è stato progettato per assomigliare ai paesaggi basaltici della natura islandese. L'acustica al suo interno è fra le migliori al mondo e valorizza ulteriormente le incredibili sonorità dell'Orchestra Sinfonica e dell'Opera Nazionale.
 
Ci sono voluti 4 anni per completarlo, un processo rallentato dalla crisi finanziaria del 2007/2008. Inizialmente, si temeva che i lavori sarebbero stati interrotti per risparmiare; invece, dal suo completamento, ha cominciato a raccogliere fondi. Oggi ospita concerti di artisti internazionali, con performance che vanno dalla danza al cabaret e festival enormemente popolari come Airwaves e Sónar.



Il Teatro Nazionale

Il teatro nazionale islandese di Hverisgata

Foto: il Teatro Nazionale, www.leikhusid.is

Il Teatro Nazionale di Reykjavík ha aperto i battenti nel 1950 ed è noto per la sua architettura insolita e le sue incredibili performance. Anche se la maggior parte degli spettacoli sono in islandese, il teatro ospita anche show in inglese, sia nuovi che vecchi, nonché rappresentazioni di marionette e per bambini. Molte delle opere teatrali che hanno debuttato qui hanno vinto premi nazionali e internazionali e sono andate in tournée in tutto il mondo.



I siti artistici di Reykjavík 

Molti dei principali oggetti dei giri turistici per Reykjavík sono le opere d'arte esposte al pubblico. Dalle statue storiche ai murales che ricoprono le pareti degli edifici, Reykjavík è una città artistica che rende omaggio alla maestria e al duro lavoro dei suoi abitanti. Se apprezzi questo tipo di talento resterai incantato dalle opere in mostra mentre visiti i seguenti siti della capitale.

Il viaggiatore del sole

Il Sun Voyager, nonostante le percezioni comuni, non è destinato ad assomigliare a un longboat vichingo, ma a una nave dell'immaginazione.
Il viaggiatore del sole guarda da Reykjavík al monte Esja attraverso la baia di Faxaflói. Quello che il suo creatore, Jón Gunnar, voleva rappresentare diventa evidente osservando meglio quest'opera; essa simboleggia il tormento dell'avventura, il desiderio di scoperta, il bisogno di andare avanti e il ponte fra i reami del sogno e della veglia. Descritta come un'"ode al sole", è la scultura più famosa di Reykjavík.
 
All'inizio Il viaggiatore del sole era un disegno che partecipava al concorso del 1986 per scegliere un'opera che commemorasse il duecentesimo anniversario di Reykjavík come città ufficiale. Fu presentata nel "compleanno" della capitale, il 18 agosto 2000. Purtroppo, Gunnar non è vissuto abbastanza per poter assistere a questa cerimonia, ma il segno e il messaggio che ha lasciato alla città con questa scultura non lo faranno dimenticare.

L'Einar Jónsson Sculpture Garden

Einar Jónsson è stato uno degli artisti più talentuosi e innovativi dell'Islanda. Nato nel 1874, ha trascorso 20 anni all'estero per imparare la scultura, una forma d'arte che era quasi sconosciuta in Islanda all'epoca. Critico rispetto al copiare altri artisti e alla ricerca appassionata di un percorso unico in quest'arte, si fece un nome a livello internazionale al punto che l'Althingi lo invitò a tornare a lavorare in patria, offrendogli uno studio e una casa.
 
Fino al 1954, creò incredibili opere d'arte, di solito realizzate con l'intonaco, che potevano richiedere anche un decennio per essere completate. La maggior parte delle sue creazioni si trovano adesso all'Einar Jónsson Sculpture Garden, proprio vicino alla chiesa Hallgrímskirkja. L'ingresso al giardino è gratuito e una passeggiata al suo interno di certo incanterà chi conosce questa incredibile arte o ne è appassionato. In loco si trova anche l'Einar Jónsson Museum, il cui biglietto d'ingresso costa 1.000 ISK per gli adulti, 500 ISK per gli over 67 ed è gratuito per i bambini.

Altre sculture

A partire da Einar Jónsson, la scultura è diventata una forma d'arte molto più comune in Islanda. Ciò nonostante, egli rimane colui che ha creato alcune delle opere più significative sparse per la città. Per esempio, ha scolpito le statue situate all'esterno dell'ufficio del Primo Ministro: il re Cristiano IX di Danimarca che porge alla nazione islandese la sua prima costituzione e Hannes Hafstein, il primo ministro dopo l'ottenimento dell'autonomia da parte dell'Islanda. Ha realizzato anche la statua del fondatore di Reykjavík, Ingólfur Arnarson, che si trova sulla collina Arnarhóll affacciata sul centro.
 
Comunque, molti altri artisti hanno contribuito con sculture di famose figure storiche. Davanti alla chiesa Hallgrímskirkja, per esempio, c'è una scultura di Leif Eriksson, il primo europeo a raggiungere le Americhe, donata dagli Stati Uniti nel 1930. Halla Gunnarsdóttir ha realizzato una statua del poeta Tómas Gudmundsson seduto su una panchina in centro.

"Il poeta di Reykjavík", Tómas Guðmundsson, è raffigurato qui.

Ci sono anche opere che rappresentano persone comuni moderne, come le sculture Figlio, Ragazza e Il musicista, di Ólöf Pálsdóttir, e persone comuni della storia. La più importante fra queste ultime è La portatrice d'acqua di Ásmundur Sveinsson, che raffigura le donne che portavano l'acqua lungo Laugavegur al tempo della colonizzazione.

"Il monumento a un burocrate sconosciuto"Monumento al burocrate ignoto, nel centro di Reykjavík

Non tutte le sculture rappresentano persone. Alcune sono astratte, come la sinuosa opera di Gerdur Helgadóttir chiamata semplicemente Scultura. Altre sono politiche, come il Monumento al burocrate ignoto di Magnús Tómasson raffigurato qui sopra. Il Cono nero, monumento alla disobbedienza civile del 2012 di Santiago Sierra celebra il potere della gente comune che distrugge la corruzione, mostrando un piccolo cono metallico che frattura una grande roccia.

La street art a Reykjavík

Arte di strada colorata può essere trovata in tutta la capitale.

Una delle cose più belle dei giri turistici a Reykjavík è l'abbondanza di vivace street art che decora la città. Molti dei suoi muri, infatti, sono artisticamente dipinti ispirandosi alla musica, al folclore islandese e all'immaginazione, regalando così un piacere per gli occhi di quanti vi camminano vicino.



Ci sono troppe opere per farne un elenco completo, ma alcune delle più importanti sono nate dalla campagna WALL-POETRY del 2015, una collaborazione fra l'Airwaves Festival e l'Urban Nation di Berlino. Dieci artisti hanno lavorato con dieci musicisti per creare dei murales tutt'intorno all'area del festival che rappresentassero la maestria di entrambi, migliorando al contempo l'immagine della città.

Una delle opere popolari dell'artista di strada australiano Guido van Helten.

Tuttavia, quella che forse è la più nota e amata opera di street art si trova allo storico porto vecchio dal 2013. L'artista australiano Guido van Helten ha dipinto sui muri cadenti immagini fotorealistiche vintage, trasformando una delle zone più fatiscenti di Reykjavík in una delle più celebrate.



I siti naturalistici di Reykjavík 

Anche se è una capitale, Reykjavík è immersa nella natura islandese. Nelle giornate limpide, ci sono molti punti da cui si possono ammirare i brulli paesaggi vulcanici della penisola di Reykjanes, le cime innevate della penisola di Snæfellsnes e le ombre imponenti delle Bláfjöll, le Montagne Blu. Inoltre, la città è ricca di spazi verdi in cui fuggire dal centro frenetico. 

Il faro di Grótta

Grótta Lighthouse sotto l'aurora boreale.
Il faro di Grótta è uno splendido sito a Seltjarnarnes, da dove si possono ammirare incredibili viste sulla città, sull'oceano e sulla natura circostante. Tranquillo e romantico, contribuisce a completare qualsiasi giro turistico allontanandoti dalla frenesia della capitale. È un luogo che vale la pena di visitare soprattutto all'alba o al tramonto, nonché nelle limpide notti d'inverno per avere una grande opportunità di vedere le aurore boreali.
 
C'è una piccola vasca calda in cui i visitatori possono riscaldarsi i piedi mentre si rilassano in questo luogo quieto. È anche possibile arrivare a piedi al faro, ma solo con la bassa marea; con l'alta marea il sentiero viene sommerso ed è capitato ogni tanto che le persone rimanessero bloccate.

Il Perlan e Öskjuhlíd

"La perla" di notte.

Foto: Wikimedia, Creative Commons, foto di Tillea Benutzer

Insieme alla chiesa Hallgrímskirkja e all'auditorium Harpa, il Perlan (o Pearl) è una delle strutture più iconiche di tutta Reykjavík. Appollaiato in cima a una collina ricoperta di vegetazione chiamata Öskjuhlíd, si tratta di un edificio a forma di cupola, la parte superiore del quale era un ristorante girevole. Comprende una piattaforma di osservazione aperta a tutti gratuitamente, dalla quale i panorami verso il bosco, la città, la costa e le montagne circostanti sono assolutamente incantevoli.

La foresta di Öskjuhlíd è il luogo ideale all'interno di Reykjavík per sfuggire al rumore e alla gente. I fitti alberi cancellano qualsiasi indizio di essere in una capitale e intorno ci sono molti piacevoli sentieri da trekking.

Alcuni conducono a fortificazioni risalenti alla Seconda guerra mondiale che, per fortuna, non furono mai utilizzate; altri portano a un tempio di Ásatrú, la religione degli antichi dei norreni. Poco sotto il bosco c'è la spiaggia artificiale di Nauthólsvík, che è in parte riscaldata geotermicamente per consentire di nuotare nelle gelide acque del Nord Atlantico senza troppi problemi. 

Il parco Laugardalur

Laugardalur in estate.

Foto: Wikimedia, Creative Commons, foto di Helgi Haldórsson

Il parco Laugardalur è un vasto spazio verde all'interno della città di Reykjavík, con numerose attrazioni per i turisti. Comprende un giardino botanico, con un'ampia varietà di piante e fiori artici, che è aperto tutto l'anno ma è meglio visitare d'estate quando è in fiore. Lo zoo e parco per famiglie è aperto anch'esso tutto l'anno e ospita un sacco di animali islandesi, fra cui volpi artiche e renne.
 
Il parco comprende anche Laugardalslaug, la più grande piscina di Reykjavík, con scivoli, vasche calde, saune, bagni turchi e ampi spazi per nuotare. Una visita al Laugardalur ti consentirà di immergerti completamente nella flora e nella fauna islandesi, nonché di goderti la sua attività geotermica, senza lasciare la città.

L'isola di Videy

L'Imagine Peace Tower si trova sull'isola di Viðey.

Foto: Wikimedia, Creative Commons, Helgi Haldórsson

L'ultima destinazione turistica di questo elenco è accessibile solo tramite una barca, ma è un'esperienza piacevole per chi cerca la naturale tranquillità, unita a un po' di storia e cultura. Le imbarcazioni per Videy, un'isola vicina alla costa di Reykjavík, partono ogni giorno in estate e nei weekend d'inverno. 

Oggi quest'isola è disabitata, ma offre comunque molto ai visitatori. È possibile passeggiare gratuitamente in mezzo alle rovine di quando era colonizzata che la punteggiano ancora oggi, mentre gli edifici tuttora in piedi hanno un passato significativo: la chiesa dell'isola è una delle più antiche del Paese e Videy House è stata la prima costruzione in pietra dell'Islanda.
 
Videy è sede anche di due importanti progetti artistici. Il Milestone Project di Richard Serra è ospitato qui fin dal 1990. Più recentemente, l'isola ha accolto la più famosa Imagine Peace Tower di Yoko Ono, che proietta un raggio di luce rappresentante il messaggio di pace nel mondo suo e di John Lennon nel cielo notturno in alcuni momenti dell'anno.



Una vista in centro dal municipio.
Reykjavík è diventata una città animata, moderna ed eccezionale. Con la ricchezza della sua storia, cultura, arte e natura, i suoi siti attraggono persone dagli interessi più svariati. Dato che sempre più gente la visita, ci si aspetta che possa solo migliorare, crescere e prosperare.